Scheda Film

alt text

L'odio - La Haine

Fading Icon Button Icon Acquista on-line

Supporto: DVD
Titolo Originale: L'odio - La Haine
Titolo italiano: L'odio - La Haine
Regia: Mathieu Kassovitz
Cast: Vincent Cassel, Hubert Koundé, Saïd Taghmaoui
Genere: Drammatico
Nazione: Francia
Anno: 1995
Durata: 95'
Fotografia: Pierre Aïm
Montaggio: Mathieu Kassovitz, Scott Stevenson
Soggetto Originale: Mathieu Kassovitz
Trama:

Miglior regia al 48° Festival di Cannes per il giovanissimo Mathieu Kassovitz. L’odio fu, 16 anni fa, l’ultimo evento cinematografico che sconvolse e coinvolse il mondo. Tre ragazzi, tre religioni, tre etnie nelle banlieues parigine, quando non c’era ancora Sarkozy a definirli “feccia”, quando la Francia eludeva il problema e tutti, fuori dai confini transalpini, lo ignoravano. L’ebreo Vinz (Vincent Cassel) è un teppista che pretende rispetto, un sentimento che vuole a tutti i costi, anche se per averlo dovrà passare per la canna di una pistola. Di uno sbirro. Ha il mito della violenza e del De Niro di Taxi Driver. Con lui altri due emarginati, il più tranquillo Hubert (Hubert Koundè), nero, la cui esasperazione passa per una palestra bruciata e il maghrebino Saïd, diviso tra responsabilità e violenza. Un giorno, riferimenti temporali precisi, un’escalation di azioni, reazioni, suoni e immagini, una bomba in cui l’innesco è il pestaggio e la possibile morte di Abdel. Scosse le coscienze tre lustri fa, ora sembra un reportage.

LEGGI LA RASSEGNA STAMPA:
http://www.rarovideo.com/images/Press/RaroPress_46_it.pdf
http://www.rarovideo.com/images/Press/RaroPress_103_it.pdf
http://www.rarovideo.com/images/Press/RaroPress_102_it.pdf

 

 


Lingua originale: italiano - francese
Sottotitoli: italiano
Curiosità:
Premi e Festival: Palma d'Oro Miglior Regia al Festival di Cannes - 3 Premi César - Miglior Film European Film Award
Extras: 3 cortometraggi di Mathieu Kassovitz - interviste a Giorgio Gosetti, Mario Sesti, Antonello Piroso (giornalista) - conversazione sul film con Alessandro De Simone, Ilaria Ravarino e Michela Greco
Booklet: a cura di Boris Sollazzo